Per la prima volta nella storia dell'umanità più della metà della popolazione mondiale appartiene alla classe media, grazie alla crescita nei Paesi emergenti.
~ The Economist, 12 Febbraio 2009

E.V.A.

Dopo milioni di anni di gioco a somma zero nasce E.V.A., l’Economia del Valore Aggiunto. Più valore si aggiunge, più ce n’è da spartire. La persona, grazie alla libertà ed ai diritti riconosciuti, diventa imprenditore. Ogni sua decisione è orientata all’investimento piuttosto che al semplice consumo, al valore piuttosto che al prezzo. L’impresa moderna si comporta come una persona reale, puntando al valore da offrire, all’intelligenza delle scelte, alla reputazione, più che alla semplice immagine.

Il Miracolo (e il Terrore) del Mercato Saturo

Alla caduta del Muro di Berlino, liberata dall’eterno peso dell’ignoranza, l’E.V.A. decolla. All’inizio si trattava del 20% della popolazione mondiale che generava l’80%  del PIL e del potere d’acquisto globale. Poi l’Asia entra nel gioco. Il Miracolo Economico Cinese tappa i buchi del mondo. Nel primo semestre 2010, le esportazioni tedesche verso la Cina aumentano del 56%. I Ripetitori si trovano in mezzo al guado, tra Cina e Germania. Nel 2011 l’Africa entra nella strada già intrapresa dall’Asia vent’anni fa. “La culla dell’umanità rappresenta oggi uno dei più grandi depositi di talento umano”, scrive Intelligent Life (09/2012). Tra il 2001 ed il 2011 sei delle dieci economie con la più alta crescita erano africane.

Come sarà la vita di tutti noi quando sarà una bella signora africana a pronunciare la frase: “Ambrogio…”?

“I ricchi hanno tutto tranne desideri” ~ Honoré de Balzac

Aveva ragione Balzac: c’è un mercato enorme di fronte a noi, e ci sta aspettando. Tutto ciò che abbiamo venduto negli ultimi dieci o venti anni, a seconda del ciclo di vita del prodotto, è in attesa di essere sostituito dall’alternativa più innovativa e più efficiente. Non si tratta più dell’unico paio di scarpe di cui si ha bisogno ma di tutto ciò che piace e che ci si può permettere.

“I bisogni sono pochi, i desideri sono molteplici” ~ Philip Kotler

Inseguire il piacere, sfuggire al dolore. E' tra queste due sponde che l'uomo passa tutta la sua vita.
Se la mela fosse stata offerta come cibo, il serpente sarebbe stato parte della storia?